E’ stata l’importanza della sinergia tra pubblico e privato il tema conduttore del comizio elettorale che il candidato a sindaco di Custonaci Alberto Santoro ha tenuto ieri sera a Scurati assieme ai candidati della lista Io Voto Custonaci e agli assessori designati.
Sono state ricordate le molteplici esperienze positive che si sono concretizzate negli anni ( Presepe Vivente, svincoli stradali fioriti, Festeggiamenti in onore di Maria SS. Di Custonaci, Stella Maris, ecc…) e che il candidato ha annunciato di voler portare avanti con maggiore incisività per proseguire il percorso di sviluppo e promozione del territorio.
Un sostegno concreto da parte delle imprese di Custonaci, ed in particolare da parte di quelle del settore marmifero definita “una risorsa preziosa ed insostituibile che permette al territorio di sentire meno, rispetto ad altre realtà, il difficile momento economico dovuto alla mancanza di lavoro, dando occupazione a migliaia di padri di famiglia”.
“Eppure anche queste imprese nel 2010 rischiavano di chiudere- ha ricordato Gaspare Noto, funzionario della Regione ed esponente politico di “Nuova Direzione” – grazie alla tenacia e alla perseveranza di Alberto Santoro, allora presidente di Confindustria –Marmo, è stato definito l’iter burocratico che ha portato all’approvazione del Piano Regionale delle cave, atteso da quasi 30 anni”.
Nel corso della manifestazione elettorale, l’attenzione si è poi concentrata sul turismo, la priorità del progetto Io Voto Custonaci. Santoro ha parlato del “Paese Albergo o Albergo diffuso” che consentirà anche ai cittadini di avere degli introiti mettendo a disposizione dei turisti le loro abitazioni o alcune stanze. “Verrà incrementato il numero di posti letto – ha spiegato- senza creare nuove unità immobiliari ma trasformando e utilizzando quelle esistenti. Attraverso il centro unico di prenotazioni si potrà conoscere in tempo reale la disponibilità di stanze e far incontrare la domanda con l’offerta. Per questo motivo sarà necessario completare la copertura wife del territorio. La promozione sarà garantita, inoltre, dalla realizzazione di un sito internet multilingua collegato nella rete dei più importanti tour operator”.
Una novità interessante, che già a Carrara è diventata una realtà consolidata e proficua, dovrà essere il tour delle cave di marmo.
Santoro ha sottolineato come la realizzazione di eventi sportivi costituisca una importante vetrina di promozione per valorizzare le bellezze naturali. “Così come per il campionato siciliano di enduro, che ormai si disputa da alcuni anni- ha spiegato- Monte Cofano si presta ad un’altra attività: il climbing ( arrampicata). Il nostro obiettivo è quello di veicolare sportivi e appassionati nel nostro territorio, per creare turismo anche nelle altre stagioni dell’anno”. In tema di sport, Santoro ha ricordato quella che ha definito la punta di diamante della città, la squadra di calcio “Riviera Marmi” che questa stagione ha disputato un ottimo campionato sfiorando l’accesso alla lega professionisti. La squadra è sostenuta da anni dagli imprenditori di Custonaci. “Nessuna campagna elettorale alle spalle – ha precisato- ma un sostegno disinteressato per proiettare all’esterno un’immagine positiva del territorio”.
.

Il candidato ha ribadito che Io Voto Custonaci porterà avanti  un programma innovativo, scritto con la gente, al servizio della gente. Un progetto politico all’insegna della trasparenza, della competenza e della meritocrazia, una progettualità che fugge dalla logica della spartizione politica.

Il candidato ha poi assicurato che verrà rivista la spesa pubblica, tagliando al massimo le uscite e gli sprechi. Per consentire ai cittadini di risparmiare sull’acquisto dell’acqua da bere, verranno collocati su tutto il territorio comunale dei moderni distributori di acqua potabile che permetteranno, inoltre, di utilizzare meno bottiglie di plastica. Verrà riqualificato il sistema di illuminazione pubblica con la sostituzione delle “comuni” lampade con quelle a led che consentirono un risparmio sui costi della bolletta del 70%. Sgravi per i cittadini anche per i costi della tarsu grazie all’istituzione della green card: conferendo i rifiuti direttamente al centro comunale di raccolta, potranno ottenere una riduzione della tassa sui rifiuti.