domani saranno presentati i risultati applicativi

L’iniziativa è volta ad individuare e diffondere tecniche innovative nella produzione di pomodori e piante ornamentali

MARSALA. Dopo due anni di sperimentazioni, incontri e ricerche giunge alla fase conclusiva il progetto “Sineflor: sinergie e innovazioni in ortofloricoltura”, realizzato da imprese e ricercatori locali per individuare nuove tecniche di sviluppo pre-competitivo su una specie orticola “pomodoro” da frutto fresco e su una specie arborea di piante di “agrumi” in vaso con frutto.

Domani alle 17 al podere Fossarunza, alla presenza di istituzioni e operatori verranno presentati i risultati applicativi del progetto realizzato nell’ambito della misura 124 del programma di sviluppo rurale 2007/2013, che prevede l’erogazione di fondi europei, grazie all’intervento delle risorse umane che in questi due anni hanno svolto l’attività sperimentale nei campi di contrada Ferla a Petrosino.

A relazionare: il presidente della Trapani Piante Ornamentali Francesca Pipitone; il responsabile scientifico del progetto Fabio De Pasquale; Eleonora D’Anna (Consorzio Certa); Alessandra Moncada e Fabio D’Anna (Dipartimento S.A.F Palermo); Loredana Abbate, Antonio Motisi, Sergio Fatta Del Bosco (CNR); Claudio De Pasquale e Vincenzo Dispenza del Dipartimento S.A.F Palermo e Claudio Midolo dell’impresa Agile srl. Il workshop sarà presieduto da Giuseppe Alonzo docente dell’Università degli Studi di Palermo e responsabile del Consorzio CERTA per il nodo Sicilia.

Interverranno inoltre: dirigenti regionali, Sindaci e Assessori dei comuni coinvolti (Marsala e Petrosino) e rappresentanti di alcune imprese del settore.

Uno degli obiettivi primari del progetto, portato avanti da un ATS composta da istituti universitari e imprese del territorio di Marsala e Petrosino, è quello di divulgare i risultati ottenuti, in modo da agevolare e migliorare la produzione industriale, inerente al pomodoro da frutto fresco e alle piante di agrumi in vaso, attraverso tecniche e metodi innovativi.

La Sicilia è la regione italiana che coltiva più pomodoro da mensa, circa il 45% dell’intera produzione nazionale, con una produzione totale pari a 1,3 milioni di quintali di prodotto raccolto.

La coltivazione più ingente si attua nelle provincie di: Agrigento (4.370 ha), Caltanissetta (700 ha ), Palermo (520 ha) e Trapani (500ha). (dati Istat, 2012).

Per quanto riguarda la produzione di piante di agrumi ornamentali, la regione, nei diversi comprensori vocati, ha consolidato la posizione di primato mondiale, per qualità e quantità. Un’attività economica che oggi fa riferimento ad una produzione nazionale di 4 – 5 milioni di piante prodotte in Toscana, Liguria, Puglia, Calabria e Sicilia (oltre il 90 % in Sicilia su una superficie 300 ettari).

Fra i partner dell’ATS che ha partecipato al progetto Sineflor la società coop. Trapani Piante Ornamentali (capofila del progetto), la Metalmeccanica Renda, l’Istituto di Genetica Vegetale del CNR, la società Centri Regionali per le tecnologie Agroalimentari “CE.R.T.A”., la società Agricola Trapani Srl, l’impresa agricola Trapani Giacomo, la Confederazione Italiana Agricoltori, l’impresa agricola Pipitone Nicolò, l’impresa agricola Zerilli Fabrizio, il consorzio di ricerca Bioevoluzione Sicilia “BES”, l’impresa Liccardi Alfredo e l’impresa Agile srl.