l’azienda marsalese “Trapani Piante” selezionata fra le eccellenze siciliane nell’evento organizzato in collaborazione fra Università e Assessorato all’agricoltura

Si è svolto martedì scorso, presso l’istituto Alberghiero di Palermo l’evento “Percorsi di gusto dei prodotti tipici siciliani” organizzato dall’Assessorato Regionale risorse agricole e ambientali e l’Università di Palermo, con l’obiettivo di valorizzare la collaborazione fra imprese e ricerca volta al miglioramento del comparto produttivo. Protagoniste della serata, alcune Associazioni Temporanee di Scopo che hanno partecipato Programma di Sviluppo Rurale – Sicilia 2007-2013 volto a sostenere progetti di cooperazione per il trasferimento, la verifica ed il collaudo dell’innovazione finalizzata ad accrescere la competitività delle imprese.
Fra le aziende anche la marsalese Trapani Piante Ornamentali, che ha partecipato in ATS, con il progetto “Sineflor. Sinergie e innovazioni in ortofloricoltura”, all’iniziativa regionale promossa con la misura 124 per l’acquisizione di innovazioni e nuove tecniche sulla coltivazione di una specie orticola “pomodoro” da frutto fresco e su una specie arborea di piante di “agrumi” in vaso con frutto.
Presenti all’incontro il magnifico Rettore dell’università di Palermo Roberto Lagalla che ha sottolineato l’importanza della collaborazione fra imprese e ricerca per il miglioramento qualitativo e commerciale della produzione agricola, e il dirigente regionale responsabile della Misura 124 Giuseppe Spartà che ha annunciato la realizzazione di un convegno regionale, a novembre, per favorire la divulgazione, agli operatori del settore, dei risultati di tutti i progetti che hanno partecipato al programma di sviluppo rurale.
Durante la serata, inoltre, si è svolta una degustazione, curata da alunni e insegnanti dell’istituto professionale di stato per i servizi di enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “Pietro Piazza”, di una selezione di eccellenze gastronomiche regionali.
Oltre a “Sineflor” erano presenti i rappresentanti delle seguenti ATS: Fragolosa che ha riguardato il rinnovamento della filiera fragolicola siciliana, rendendola più competitiva nel panorama nazionale ed internazionale; Innoveno, che ha previsto il trasferimento di innovazioni agli operatori della filiera vitivinicola e l’ottenimento di vini e spumanti innovativi, riconoscibili e competitivi sul mercato; l’ottagono che ha riguardato il miglioramento quali-quantitativo delle produzioni in coltura protetta di ortive fresche di qualità; Malena che ha interessato il miglioramento quali-quantitativo della produzione di biomasse vegetali in asciutto ed in irriguo; e infine Micerige, sul miglioramento della qualità dei cereali e dei loro derivati attraverso l’utilizzo di risorse genetiche per l’aumento della competitività delle imprese.