Il sindaco: “Possiamo avviare le procedure di gara. Soddisfatto anche per il benestare ad un depuratore a servizio di Scopello”.

«Adesso dopo l’approvazione in linea tecnica del progetto, possiamo avviare le procedure di gara per la realizzazione del depuratore di Castellammare, delle fognature di Scopello e zone limitrofe. Sono davvero soddisfatto per il risultato ottenuto dopo l’incontro a Roma: Castellammare avrà oltre al suo depuratore anche le fognature ed il depuratore per una località di pregio, qual è la nostra Scopello. I progetti già ammessi a finanziamento in via preliminare, hanno ottenuto anche il benestare per realizzare un depuratore a servizio di Scopello, nella zona di Piano Vignazzi. Non posso che essere lieto di quanto si prospetta per la nostra cittadina». Lo afferma il sindaco Nicolò Coppola che, con soddisfazione, spiega i dettagli dell’incontro tenutosi a Roma. «Gli esperti del Ministero, i professori Rolle, Mazzola e Beccari, hanno analizzato in dettaglio il progetto per il nuovo depuratore e le fognature di Scopello che abbiamo trasmesso tramite l’assessorato regionale all’Energia. Il Ministero ha verificato -spiega il sindaco- che l’intervento proposto consente di superare le criticità di cui alla direttiva Cee n 271/91, causate dalla mancata depurazione dei reflui scaricati nel Golfo di Castellammare e per le quali, assieme ad altri siti sensibili, l’Italia trovandosi in procedura di infrazione comunitaria, è stata deferita alla corte di Giustizia Europea. La verifica del progetto è avvenuta alla mia presenza, del responsabile unico del procedimento, l’ingegnere Simone Cusumano, del supporto al Rup, l’ingegnere Simone Vuturo e dei consulenti: l’ingegnere Onofrio Amato e l’ingegnere Michele Torregrossa; presente anche l’ingegnere dell’assessorato regionale all’Energia Mario Cassarà. Adesso possiamo procedere, dopo l’approvazione in linea tecnica del progetto -conclude il sindaco Nicolò Coppola- con la gara d’appalto, dotando finalmente Castellammare di un impianto funzionale e moderno, che consenta di rispettare il nostro ambiente». Il progetto per la costruzione dell’innovativo depuratore interrato alla radice del molo foraneo, e quello per la realizzazione delle fognature di Scopello, è stato finanziato con delibera Cipe n 60 del 2012 (con 23 miloni di euro). Il dirigente dell’Utc, Simone Cusumano, sottolinea che il progetto del nuovo depuratore «è stato redatto secondo specifiche direttive dettate dall’amministrazione, sia quella attuale che la precedente guidata dall’ingegner Marzio Bresciani con la collaborazione e la consulenza esterna di numerosi professionisti». In dettaglio, spiega Cusumano, la tipologia del nuovo depuratore «è del tipo MBR biologico, a fanghi attivi; la separazione solido-liquido finale avverrà con moduli di membrane, e rappresenta quanto di più tecnologicamente avanzato esista a livello europeo e mondiale. L’impianto progettato per 30mila abitanti, sarà realizzato interrato con uno scavo che interesserà 42mila metri cubi di materiale lapideo, avrà una superficie di mq 3200 circa ed un’altezza media di 12 metri. Sarà realizzato con una struttura in calcestruzzo armato –spiega l’ingegnere- e soprastante solaio in grado di consentire il passaggio dei mezzi pesanti. L’impianto progettato avrà la capacità di depurare le acque ad un livello tale che, con una semplice disinfezione, consentirà il riutilizzo sia per attività portuali che per la pulizia delle strade. Sarà realizzato un piccolo impianto che convoglia in apposita vasca le acque depurate per il nuovo utilizzo. Verrà realizzata una condotta sottomarina di 700metri per allontanare le acque depurante non riutilizzate. Per la rete fognaria di Scopello -conclude il dirigente dell’utc- tutti i reflui confluiranno in un piccolo depuratore che sarà realizzato in contrada piano Vignazzi e con condotta sottomarina, che scaricherà al largo i reflui trattati, in sostituzione della condotta marina che avrebbe trasportato i liquami non trattati al depuratore di Castellammare».

Annunci