“Amunninni fora a iucari”: festa della Repubblica con la sesta edizione di giochi popolari ormai scomparsi. Organizzata dall’associazione “Genitori di Buona volontà” con la collaborazione della “Società operaia di mutuo soccorso”. La manifestazione promossa dal Comune prevede, a partire dalle 15,30 del 2 giugno, ai “Quattro Canti”, la dimostrazione di come, in strada, si facevano alcuni giochi: la “cursa di li carritteddi”, “lu iocu di lu bruttu”, “li pippi”, “la brigghia”, “lu turtuluni”, la fussetta”, “Muovere senza muovere”, “la bannera”, “a li quattru cantuneri”, “a ziccari”, “la cursa cu li sacchi” e vari altri giochi di un tempo, ormai scomparsi. Nell’ambito della giornata di giochi si volgerà anche la quarta edizione del concorso “torta in famiglia”.
«Una bella ed importante iniziativa di memoria storica delle nostre tradizioni che è arrivata alla sesta edizione – affermano il sindaco Nicolò Coppola e l’assessore alla Cultura Marilena Barbara-. Un modo per rinnovare la memoria di chi c’era e per tramandare ai giovani tradizioni come i giochi, legati a modi di fare e di vivere ormai scomparsi ma sicuramente da non dimenticare. Per questo ringraziamo l’associazione “Genitori di Buona volontà” e la “Società operaia di mutuo soccorso e tutti coloro che collaborano al lavoro di ricostruzione storica e materiale di queste nostre tradizioni».
Portavoce del Sindaco: Annalisa Ferrante