Tre giorni dedicati al ricamo con “Filo in festa”, da sabato 1 fino a lunedì 3 ottobre. Il festival sull’arte del ricamo siciliano, giunto alla terza edizione, è promosso dall’associazione culturale “Ago & Svago” presieduta da Enza Barone e patrocinato dal Comune di Castellammare del Golfo. La tre giorni si apre sabato 1 ottobre, alle ore 17, con l’inaugurazione e lo spettacolo del “centro danza” di Giusy Gioia nella parte bassa del corso Garibaldi. Dalle 18 fino a tarda sera, apertura dei gazebo e sale espositive dei ricami lungo un percorso, guidato dagli studenti dell’istituto turistico, che comprende il centro storico cittadino, tra corso Mattarella, corso Garibaldi e la chiesa Madre. Ricami in mostra nell’aula consiliare, nell’atrio di palazzo Crociferi, nella sala del cinquecentenario e in corso Garibaldi (casa Fontana) con l’esposizione di un prezioso corredo degli anni ’50, di proprietà della signora Rina Pennolino. In mostra anche oggettistica d’epoca dalla collezione di Giovanni Navarra. Tanti gazebo lungo il corso Garibaldi con pregiati ed elaborati ricami di vario tipo in esposizione. Dalle ore 20, in zona quattro canti, musica dal vivo con la tradizionale fisarmonica, chitarra e mandolino. Alle 21 concerto jazz del gruppo “Complete communion project”. Domenica 2 ottobre, alle ore 10, convegno al castello arabo normanno sul tema “Ricamerò: il futuro del ricamo” con la maestra di “punto bandiera” Grazia Soticchi di Giaveno (To) e Lucia Mangiafico, del museo di ricamo di Solarino (Sr). Quindi la premiazione del migliore lavoro partecipante al concorso “Ago d’oro”. Sempre domenica 2 ottobre, dalle 17 alle 19, laboratori creativi e, dalle ore 18, apertura dei gazebo e sale espositive con esibizione della banda musicale lungo il percorso. Dalle ore 20 previsti balli folkloristici ai “quattro canti”. Animazione da parte della “Frappè” che sarà presente anche la mattina del 3 ottobre quando sono previsti laboratori creativi dalle 10 alle 12, visitati dagli studenti. In programma anche laboratori scientifici da parte dell’Associazione per l’insegnamento della fisica. Nel pomeriggio ancora esposizioni di ricami e la sera, dalle ore 21, esibizione canora “Sicilia e tradizione” di Giampiero Amato a chiusura del festival. Poiché è prevista una importante presenza di visitatori, l’amministrazione comunale ha previsto la possibilità di lasciare le auto nel parcheggio adiacente il cimitero comunale ed un trenino accompagnerà i visitatori fino al centro storico dove, in occasione della tre giorni, la zona pedonale sarà ulteriormente estesa.

Portavoce del Sindaco: Annalisa Ferrante